Vacanze al Saltino

admin/ marzo 14, 2018/ Archivio Spettacoli

VACANZE AL SALTINO

“Provando e riprovando”

La compagnia teatrale “Provando e riprovando” è nata nell’anno 2000 sui ricordi di precedenti esperienze teatrali che portavano lo stesso nome, sempre presso la Parrocchia di S. Pietro a Ripoli. Questa compagnia, come le altre che l’hanno preceduta, è costituita da attori dilettanti che più dilettanti non si può, mossi non da ambizioni artistiche che non competono loro, ma da tanta volontà di divertirsi e di far divertire, senza dimenticare però la voglia di prolungare nel tempo la tradizione del teatro vernacolo fiorentino, fatto di spontaneità, qualche volta un po’ sboccata, ma anche di tanta intelligente ironia e di sano buonumore.
La compagnia “Provando e riprovando”, dopo aver messo su un repertorio fatto dalle tradizionali opere in vernacolo, da qualche anno ha intrapreso una strada nuova consistente nel prendere commedie di grandi autori italiani e stranieri (abbiamo scomodato anche Shakespeare) traducendole in vernacolo, rivedendole secondo i modi della tradizione fiorentina ed ambientandole in questo territorio.
La commedia che proponiamo si inserisce in questo contesto essendo tratta da “La Locandiera” di Carlo Goldoni, dove la locanda si è trasferita a pochi chilometri da Firenze, al Saltino (decadente località turistica
che vive quasi solo dei ricordi dei fasti passati) e dove i protagonisti innamorati di Mirandolina sono diventati dei paradossali vecchietti “parcheggiati” in vacanza da figli poco premurosi. E speriamo di non
aver maltrattato troppo il drammaturgo veneziano.

Riserva il tuo posto Gratuito

Personaggi ed interpreti:

Leopoldo Vittorio Alberighi-Brizzi, conte Franco Margheri
Ugo Intrallazzi, cavaliere del lavoro Andrea Zanieri
Kleada, badante albanese di Ugo Irene Prosperi
Leandro, villeggiante Alessandro Cerini
Robertino, badante di Leandro Gabriele Minatti
Fabrizio, cameriere Simone Prosperi
Mirandolina, proprietaria dell’albergo Aurora Ermini
Ortensia, villeggiante Laura Nikas
Felicita, villeggiante Manuela Montefusco