RESURREZIONE – esperienza spirituale in un atto infinito

Resurrezione banner 2019

Esperienza spirituale in un atto infinito

«Gli uomini sono come i fiumi: l’acqua è in tutti uguale e ovunque la stessa, ma ogni fiume è ora stretto, ora rapido, ora ampio, ora tranquillo, ora limpido, ora freddo, ora torbido, ora tiepido.»

Il tema

L’ultimo misterioso romanzo di Tolstoj s’intitola RESURREZIONE, ma in russo semplicemente “Domenica”; una spremuta di ottocento pagine dove un uomo alla fine della sua vita cerca di dire qualcosa. Abbiamo indagato e rosicchiato ogni lato di questo romanzo, facendo esperienza di un “muro” contenuto in esso, qualcosa che non si lascia addomesticare e con cui non si è giocato abbastanza fino a oggi. Ogni profondo amore, come quello dei due protagonisti, è un muro; io ti amo, ti leggo, ma non leggo fino in fondo il tuo segreto. Un classico è un testo che si rivela inesauribile ad ogni lettura, e per questo gli attori del Centro di Teatro Internazionale hanno deciso di abbandonarsi ad ogni possibile variante, con tantissima libertà e voglia di agire mettendo tutto in discussione, linguaggio teatrale compreso.

Resurrezione è l’ultima grande ribellione narrativa di Lev Tolstoj; gli valse nel 1901 la scomunica da parte della chiesa ortodossa. Eppure costituisce uno straordinario itinerario nell’angoscia di un uomo, stretto nel ferreo “ordine delle cose”, per il quale un approccio radicale alla morale evangelica sembra essere l’unica via di scampo. All’apice della sua fama, infatti, il grande scrittore russo era tormentato dall’ingiustizia sociale, dall’iniquità dei tribunali e dalle sofferenze dei carcerati. Da qui la resurrezione di Nechljudov, il personaggio chiave della storia, interprete di una rinascita etica simile a quella vissuta, o almeno disperatamente cercata, dallo stesso Tolstoj.

Durata: 125 minuti

Principe Nechljudov

Resurrezione è l’ultima grande ribellione narrativa di Lev Tolstoj; gli valse nel 1901 la scomunica da parte della chiesa ortodossa. Eppure costituisce uno straordinario itinerario nell’angoscia di un uomo, stretto nel ferreo “ordine delle cose”, per il quale un approccio radicale alla morale evangelica sembra essere l’unica via di scampo. All’apice della sua fama, infatti, il grande scrittore russo era tormentato dall’ingiustizia sociale, dall’iniquità dei tribunali e dalle sofferenze dei carcerati. Da qui la resurrezione di Nechljudov, il personaggio chiave della storia, interprete di una rinascita etica simile a quella vissuta, o almeno disperatamente cercata, dallo stesso Tolstoj.

Durata: 125 minuti

Bambini che giocano

Principe Nekhljudov: Francesco Andreini, Michele Tomai, Gianluca D’indico, Samuele Batistoni, Vasco Bonechi.

Katjusha Maslova: Ilaria Mulinacci, Romana Rocchino, Federica Bracco, Larthia Galli Nannini.

Con la partecipazione di: Tiziana Fusco, Chiara Banchini, Francesca Catarzi, Gianni Monini, Ciro Bencivenga, Davide Papi, Matteo Facenna, Lucia Callisto.

Vuoi assistere a una Prova Aperta?

Durante questi incontri preparatori, possono capitare inconvenienti, situazioni straordinarie, e buffe; l’addetto ai lavori come l’allievo aspirante attore, avrà modo di osservare da vicino il processo creativo vissuto dalla compagnia. 

Viaggio finale

22 e 24 ottobre (prova aperta su prenotazione) ore 21.00

25 e 26 ottobre ore 21.00

27 ottobre ore 16.00

Intero 10 Euro
Ridotto 8 Euro

Domenica Biglietto ridotto per tutti i soci COOP

Via Roma, 368, 50012 Bagno A Ripoli FI
Ampio parcheggio gratuito

Trasporti pubblici:

23    –  

351 A – 

Il tuo invito a teatro ti aspetta!

Iscrivendoti alla newsletter riceverai il calendario della stagione teatrale
DALLA RUSSIA CON AMORE
ed un invito valido per assistere ad uno dei nostri spettacoli in calendario con il 50% di sconto.

Stagione Teatrale 2019-20
Share this Post